Feste Vigiliane

E’ l’appuntamento più atteso della città di Trento, quello che decreta l’inizio dell’estate trentina: sono le Feste Vigiliane, una tradizione irrinunciabile che è giunta quest’anno alla sua 37esima edizione.

Le origini

Risale al 1982 l’idea di Guido Malossini di organizzare dei festeggiamenti che richiamassero le tradizioni di un tempo lontano e dei giochi rinascimentali in occasione della festa del patrono San Vigilio; idea, questa, concretizzatasi l’anno successivo, con il benestare dell’allora sindaco Giorgio Tononi, dell’Azienda per il Turismo e delle amministrazioni comunali, convinte che la festa del patrono potesse diventare attrattiva per la società se ad essere coinvolti in prima persona fossero stati i cittadini stessi.

E fu così che anno dopo anno, questo evento a carattere storico-folcloristico è andato ampliandosi e strutturandosi nella manifestazione odierna, organizzata su più giornate e in più location cittadine: tra le iniziative più amate e partecipate ricordiamo la disfida in costume fra “Ciusi e Gobj“, il “Palio dell’Oca” e la “Cena Benedettina”. Le Feste Vigiliane rappresentano oggi un momento di svago e di incontro che riesce a trasformare l’intera città in un palcoscenico storico su cui vengono coinvolte centinaia di migliaia di persone provenienti anche dalle province limitrofe.

Il sostegno di DAO

Territorio, tradizione, identità storica, ma anche svago, condivisione, coinvolgimento, incontro fra le persone: sono questi i valori che accomunano le Feste Vigiliane e la vision di DAO, che, a partire da un anno così delicato come il 2020, ha deciso di dare il suo contributo per sostenere e promuovere un appuntamento così importante e sentito per la comunità trentina.

2020: un’edizione stra-ordinaria

Esserci. Comunque e nonostante tutto. Per promuovere momenti di condivisione, speranza e leggerezza in un momento così buio. Un obiettivo ambizioso quella della 37esima edizione delle Feste, programmate per il 25 e 26 giungo 2020, seppur in forma ridotta e stra-ordinaria, così come lo richiede l’attuale situazione sanitaria.

Ci sarà spazio solo per gli appuntamenti più tradizionali: le sacre celebrazioni del patrono, la Cerimonia di Apertura in piazza Duomo, il Tribunale di Penitenza e la Tonca, eventi quest’anno non più di piazza ma tenuti nelle splendide sale del Castello del Buonconsiglio e trasmessi a reti unificate dalle tv locali (Rttr, Trentino Tv e Rai Regione) coinvolte assieme alle principali radio della regione.

Per il programma più dettagliato vi rimandiamo alla pagina ufficiale delle Feste Vigiliane.

Condividi: