Caricamento in corso ...

Il Broccolo di Torbole, re dei due venti

Spesso le fiabe parlano di cavoli. Questa storia in particolare parla di un broccolo, della tradizione che lega le generazioni a un territorio e della riscoperta di un prodotto locale unico nel suo genere.

Una storia che nasce dalla voglia di Matteo di valorizzare l’identità locale grazie ai prodotti buoni e in armonia con l’ambiente in cui li fa crescere. Rispetto, cura e impegno che nel gruppo DAO mettiamo in ogni scelta.

Broccolo-di-torbole3

Il Broccolo di Torbole è un ortaggio viziato. Per crescere, preferisce gli orti compresi nel chilometro tra Torbole e Linfano dove, affacciato sulle sponde meridionali del Garda, si gode il clima mite del lago. I suoi migliori amici sono il Pelér e l’Ora, due venti che si alternano durante la giornata, da nord e da sud, e soffiano sul broccolo proteggendolo dalla brina e dal ghiaccio.

Una danza della natura che permette alle infiorescenze di restare asciutte, anche nel mezzo dell’inverno trentino.

Il Broccolo di Torbole è anche una pianta da difendere e valorizzare, un tempo coltivata da poche famiglie di ortolani e in poche unità. Grazie al passaggio delle sementi di generazione in generazione, il broccolo torbolano è giunto fino a noi, portato dalle campagne veronesi nel Seicento per incontrare il microclima ideale in cui continuare a svilupparsi.

La coltivazione del Broccolo di Torbole

La messa a coltura dei suoi semi rosso scuro inizia intorno a giugno e necessita di stuoie umide per schermare il seme dal calore del sole. Quando le prime foglie fanno capolino, tra luglio e agosto, le piccole piante vengono spostate nei solchi preparati nei campi. Questo procedimento è la messa a dimora, che fino a qualche anno fa era svolta come vuole la tradizione, a mano.

Terminato il trapianto dei germogli, non resta che aspettare l’arrivo di novembre per iniziare a raccogliere la “brocola”, il piccolo cuore tondeggiante, di colore giallognolo.

Il broccolo di Torbole è presente da generazioni nella storia locale, ma fino a qualche tempo fa rischiava di scomparire, destinato solo ai piccoli orti di famiglia e al consumo casalingo. Per fortuna, nella tutela della tradizione agricola del nostro variegato territorio e dei suoi prodotti, si è unito anche Matteo.

I broccoli dell’Azienda Agricola Briosi, qualità da Slow Food

Matteo Briosi ha deciso di riprendere la coltivazione di questo antico ortaggio per dare seguito a una tradizione famigliare e difendere le eredità gastronomiche che ci circondano.

È il volto dell’Azienda Agricola Briosi dal 2012, quando ha deciso di prendere in mano il lavoro in campagna da dove nonno Riccardo l’aveva lasciato. La passione per i prodotti della terra è cresciuta durante le giornate passate nei campi, in estate, fino a diventare un impegno a tempo pieno.

Nei terreni di famiglia, oggi Matteo produce frutta e verdura a chilometro zero, in modo attento e rispettoso dell’ambiente. Ricerca le varietà che meglio si esprimono nel clima del Garda trentino e le cresce con tecniche a basso impatto ambientale, come reti di protezione dalla pioggia o da insetti troppo golosi. In questo modo, si impegna a ridurre al minimo l’uso di prodotti fitosanitari.

L’Azienda Agricola Briosi fa crescere anche sei varietà di uva da vino, quattro tipi di olive per olio spremuto a freddo, oltre a patate, cavoli cappuccio, verze e diverse varietà di ciliegie, che l’indulgenza del clima gardesano fa raccogliere in anticipo rispetto ad altre presenti in regione.

Matteo è soprattutto uno dei pochi orticoltori a proseguire la semina del Broccolo di Torbole. In luglio e agosto, mette a dimora in campo aperto dalle 30 alle 50 mila piante, che raccolte da novembre a febbraio. La raccolta avviene a mano, tutti i giorni: fila per fila, Matteo cerca e sceglie i broccoli con la maturazione perfetta, guardando e toccando ogni ortaggio.

Briosi broccolo di Torbole

Questo prodotto è diventato il fulcro di un progetto di tutela della biodiversità locale, culminata con la certificazione di Presidio Slow Food. La Brassica oleracea Botrytis, infatti, è una specie a sé all’interno della grande famiglia dei cavoli-broccoli. Con il tempo, ha perso alcune caratteristiche più comuni per acquisirne altre migliori, che ne hanno ingentilito il sapore.

Dolcezza in cucina: come gustare il Broccolo di Torbole

Per le sue proprietà, cittadini, produttori e ristoratori locali hanno deciso di salvaguardare questo ortaggio attraverso la creazione del Comitato del Broccolo di Torbole. Per diffondere la tradizione agricola locale e le caratteristiche di questa eccellenza autoctona, organizzano un appuntamento annuale che ruota attorno al protagonista che gli dà il nome. A metà gennaio, la Festa del Broccolo di Torbole ospita infatti buongustai, appassionati e curiosi che desiderano conoscere e assaggiare i piatti della cucina locale a base di broccoli, anche rivisitati da grandi chef.

Al palato, il Broccolo di Torbole è dolce, delicato, molto apprezzato nelle ricette a base di selvaggina e pesce di lago. Può essere consumato cotto a vapore, lesso o crudo come contorno, ma il suo gusto unico lo rende perfetto anche per gli abbinamenti più insoliti.

In alcune proposte gastronomiche trentine si abbina alla carne salada, al luccio o al coregone, in compagnia di salsicce o con le polpette. Tagliato a tocchetti, si può friggere oppure conservare sotto sale.
E del broccolo di Torbole si utilizzano anche le lunghe foglie: sbollentate, si aggiungono alle zuppe o nella preparazione degli gnocchi.

Il Broccolo di Torbole dell’Azienda Agricola Briosi è presente nei nostri punti vendita nel suo periodo di raccolta, da novembre a febbraio. Ci impegniamo a fartelo trovare nel tuo punto vendita Conad di fiducia, perché da sempre sosteniamo chi coltiva con cura e passione ciò che vogliamo continuare a condividere.

La qualità dei nostri prodotti è il risultato dell’impegno di un’intera filiera.
Ecco come la portiamo fino a te.