Trento Film Festival

Un Festival cinematografico, tra i più antichi nati in Italia ed ancora oggi attivi, che narra da ben 68 anni l’affascinante mondo della montagna e dell’alpinismo: è il Trento Film Festival, già noto in passato come Filmfestival Internazionale Montagna Esplorazione Avventura.

Un po’ di storia

La rassegna nasce nel 1952 come 1° Concorso Internazionale della Cinematografia Alpina, su iniziativa dell’allora consigliere e vice presidente del CAI (Club Alpino Italiano) Amedeo Costa, per poi diventare un vero e proprio Festival 3 anni più tardi. Ai due soci fondatori, CAI e Comune di Trento, si aggiunge nel 1998 anche il Comune di Bolzano.

Dal 2018 il Festival assume il nome odierno, con un pay-off, Montagne e Culture, che sintetizza e comprende un manifesto, oggi, ad ampio raggio d’azione. Non più solo alpinismo e montagna: il focus del Festival è andato ampliandosi negli anni verso le più vaste tematiche dell’esplorazione e dell’avventura, fino ad arrivare, nelle edizioni più recenti, ad indagare i cambiamenti culturali e antropologici nelle terre alte, i risvolti socio-economici sulle popolazioni autoctone, gli aspetti geologici del pianeta.

Montagna Libri

Il Festival è un vero e proprio laboratorio sulle culture di montagna, che non si esprime unicamente attraverso la cinematografia alpina, ma anche attraverso la letteratura, grazie a Montagna Libri: dal 1987, infatti, questa rassegna dedicata all’editoria delle vette, accompagna il Festival con migliaia di libri e riviste tutte da sfogliare e un fitto programma di incontri con scrittori e artisti.

DAO sponsorizza il Trento Film Festival

In un anno particolarmente delicato, DAO non vuole far mancare il proprio sostegno ad uno degli appuntamenti più amati e partecipati dell’estate trentina, che non è solo un evento artistico/cinematografico di rilevanza internazionale, ma anche uno straordinario veicolo di conoscenza, cultura ed etica, quella di montagna, fatta di valori e principi sani, sostenibili e senza tempo.

Il Festival si rivela inoltre prezioso strumento di indagine volto a evidenziare la strettissima e delicata sinergia tra un territorio, quello alpino, e le sue comunità. Un equilibrio che nel nostro piccolo ci prefiggiamo di preservare, consci che uno stretto legame tra comunità e imprese, possa a sua volta ripercuotersi positivamente sul territorio stesso, in un circolo virtuoso a cui siamo fieri di partecipare.

L’edizione 2020

La 68’ edizione del Festival, slittata per ragioni sanitarie da primavera a fine estate (27 agosto – 2 settembre), torna quest’anno in un format ibrido, con l’obiettivo di superare i limiti spaziali imposti da un’emergenza ancora in atto. Alle consuete proiezioni previste in città a Trento (modalità in via di definizione), se ne affiancheranno altre periferiche, dislocate in varie località trentine, e si aggiungerà una piattaforma streaming a cui sarà possibile accedere da tutta Italia.

Per maggiori informazioni vi rimandiamo al sito ufficiale della manifestazione: trentofestival.it

Condividi: